SIA.Fe

Sistema Informativo Archivistico Ferrarese

Sommario delle sezioni presenti in questa pagina:

 

salta il menu di servizio e vai al motore di ricerca
 

salta il motore di ricerca e vai al menu di sezione
Consorzio di Bonifica del I Circondario
 

salta i contenuti e vai al login
Congregazione Consorziale I Circondario Scoli Canal Bianco (1821-1885)


Congregazione Consorziale I Circondario Scoli Canal Bianco (1821-1885)
La Congregazione Consorziale I Circondario Scoli Canal Bianco fu istituita in virtù del motu proprio 23 ottobre 1817 di Pio VII, il quale prevedeva all'art. 284 che "tutti i possidenti che sono interessati ai medesimi lavori consorziali formeranno una associazione, la quale sarà rappresentata da una Congregazione Consorziale". La Congregazione iniziò ad operare il 1 gennaio 1821.

Disposizioni del motu proprio prevedevano la formazione dei circondari idraulici secondo confini naturali determinati da alvei di fiumi, lagune e terreni alti. I limiti del I Circondario vennero così determinati: ad ovest l'argine destro del Panaro, a nord il Po e il Po di Goro, a est il Tenimento di Mesola, a sud il Po di Volano e il Po di Ferrara. Il territorio era suddiviso in due comprensori: il comprensorio superiore, detto di Terre Vecchie o dei Due Polesini di Casaglia e di San Giovanni Battista, e il comprensorio inferiore, detto della Bonificazione di San Giovanni Battista, e dall'Assunteria di Codigoro. I due comprensori erano divisi da una "linea di demarcazione" convenzionale che dall'argine del Volano arrivava al Po: la parte a est della "linea di demarcazione era il Comprensorio di Bonificazione, quella a ovest il Comprensorio di Terre Vecchie.

Con la Restaurazione pontificia si venne a creare una unitarietà della gestione del territorio dal Panaro al mare in precedenza soggetto ad istituzioni idrauliche diverse; tale unitarietà di gestione delle acque di scolo venne meno con l'avvento della bonifica meccanica dei terreni vallivi situati ad est del Brazzolo quando, con la costruzione dell'idrovoro di Codigoro si venne a creare un dissidio tra la Società per la Bonifica dei Terreni Ferrarese (S.B.T.F.), proprietaria della maggior parte dei terreni bonificati, e la Congregazione Consorziale, titolare della disciplina di scolo e contraria ad accollarsi gli oneri di manutenzione che le operazioni di bonifica richiedevano.

Il dissidio portò, con i decreti 28 giugno 1883 e 29 settembre 1885, alla separazione del territorio sottoposto alla Congregazione Consorziale in due distinti enti: il Consorzio di Terre Vecchie (comprendente il Polesine di Casaglia e il Polesine di San Giovanni Battista, ossia il comprensorio superiore) e il Consorzio di Manutenzione delle opere di bonifica nel I Circondario, che sarebbe poi diventato il Consorzio della Grande Bonificazione Ferrarese (comprendente il territorio della Bonificazione di San Giovanni Battista, o comprensorio inferiore , bonificato dalla Società per la Bonifica dei Terreni Ferraresi).

Elenco fondi
Congregazione Consorziale I Circondario Scoli Canal Bianco (1821-1885)

La documentazione di questo fondo è relativa al solo Comprensorio di Bonificazione, in quanto la documentazione del Comprensorio di Terre Vecchie, oltre a tutta la documentazione di carattere generale (delibere, protocolli, mastri, ecc.), è conservata nell'omonimo fondo dell'Archivio di Terre Vecchie . E' presumibile che successivamente al 1885, anno di separazione dei due comprensori territoriali in due distinti istituti consortili (il Consorzio di Terre Vecchie e il Consorzio della Grande Bonificazione Ferrarese) la documentazione sia stata suddivisa in ragione di competenza allo scopo forse di avere la disponibilità immediata alla consultazione della documentazione antecedente, indispensabile per l'espletamento della attività degli uffici; in questo modo si sono venuti a creare due spezzoni di un originario unico fondo.
Nel corso del riordino di questo fondo, soprattutto per la serie Atti della Congregazione , si è tenuto conto della stratificazione documentaria esistente, come presumibilmente si è venuta a creare a fine '800. Non si è ritenuto di intervenire con ulteriori rimaneggiamenti su una sedimentazione cartacea che, al di là degli smembramenti ottocenteschi, ha oggi una sua ben definita configurazione.
  • Atti costitutivi, 1817, b. 1;
  • Atti della Congregazione (*), 1819-1917, bb. 132 ;
  • Campioni del catasto lavorieri , 1779-1866, regg. 19;
  • Libri delle volture, 1822-1874, reg. 1;
  • Tassa scoli, 1816-1877, regg. 59;
  • Tassa acque, 1820-1840, regg. 19;
  • - Ruolo degli interessati nel nuovo scolo di Ro e Zocca, 1850-1855, regg. 3;
  • Tassa straordinaria per botti e fossi, 1855-1860, regg. 6;
  • Rilievi, 1825-1923, bb. 19;
  • Manufatti, 1825-1915, bb. 4.
(*) Atti della Congregazione
  • La serie Atti della Congregazione è costituita dalle seguenti sottoserie:
  • Alloggiamenti idraulici, 1821-1913, b. 1;
  • Argini, 1825-1903, bb. 3;
  • Ariano, piazza e porto, 1859-1900, b.1;
  • Assunteria di Codigoro, 1819-1896, bb. 3;
  • Botti, 1825-1912, bb. 5;
  • Canali, 1821-1921, bb. 76;
  • Chiaviche, 1821-1912, bb. 9;
  • Ponti, 1821-1917, bb. 21;
  • Rotte, 1839-1896, bb. 2;
  • Tenimento di Mesola e Mezzogoro, 1821-1905, b. 1;
  • Prodromi della bonificazione meccanica, 1836-1911, bb. 3;
  • Dopo bonifica meccanica, 1875-1907, bb. 3;
  • Sostegni, 1860-1911, bb. 4.

 
torna al sommario


ultima modifica: 30-11-2006
torna al sommario

codice XHTML 1.0 valido!codice XHTML 1.0 valido! icona livello di conformità AA, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 - livello di conformità AA, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0

Città di Ferrara